Tag

, , , ,

Si celebra l’8 dicembre.

Il dogma fu proclamato nel 1854 dal beato Pio IX, ma in realtà nella credenza popolare l’idea era presente (per quanto non esente da dispute teologiche) sin dalle primissime comunità cristiane.

Ma cosa significa “Immacolata Concezione”? Come spiegarla ai bambini?

In questo periodo di attesa per il Natale, per la nascita di Gesù, è abbastanza normale parlare anche della mamma di quel bambino che il mondo attende. Possiamo prima di tutto parlare dell’angelo che porta l’annuncio a Maria. Chi è Maria? Una giovane donna ebrea, molto pia e molto buona, che vive intensamente l’attesa del Messia, conosce le promesse dei profeti dell’Antico Testamento e desidera ardentemente che si realizzino.

Uno splendido angelo, l’arcangelo Gabriele, le appare un giorno e le parla di cose enormi: le dice “Ave, piena di grazia. Il signore è con te” (qui si può chiedere ai bambini se ricordano una preghiera che inizia proprio così). Le dice che avrà un bambino, sarà il figlio di Dio.

Poteva Dio scegliere una persona malvagia per accogliere il suo Figlio?

Quando una mamma qualunque aspetta un bambino prepara la casa, prepara i vestiti, il lettino… Dio ha “preparato” in un certo senso la sua mamma, facendola nascere senza peccato (sin dal concepimento). I genitori di Maria si chiamavano Anna e Gioachino (erano i nonni di Gesù) ed erano molto vecchi quando lei nacque. Lei fu la risposta alle loro più ardenti preghiere. Maria nacque dunque senza il peccato originale, senza la macchia che colpisce gli uomini fin dalla cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso terrestre. Questo è un regalo unico, nessun altro essere umano ha mai avuto un regalo così, perché Gesù aveva scelto la sua mamma ancora prima che lei venisse al mondo e le aveva fatto un regalo speciale. Maria è nata dunque senza peccato originale e non ha mai commesso nessun peccato in vita sua, né mortale né veniale. Eppure Maria rimane libera in ogni momento della sua vita: l’angelo non va a darle un ordine, va a chiedere un permesso. E Maria risponde senza esitazioni: “Eccomi, sono la serva del Signore”. Pur senza il peccato originale, Maria poteva scegliere il bene come il male e ha scelto di fidarsi di Dio.

Anche noi, come Maria, dobbiamo fidarci di Dio, dirgli di sì in ogni momento della nostra vita.

Anche noi, come Maria, siamo liberi di fare il bene o il male, ma abbiamo da Dio tutti gli strumenti (la grazia) necessari a fare il bene.

Noi non siamo nati senza il peccato originale, ma ci è stato tolto con il battesimo.

Ai bambini più grandi si può raccontare o leggere la storia della Medaglia miracolosa e di santa Caterina Labouré.